STORIA DI UN MATRIMONIO BON TON 2.0, MILANESE E MADE IN ITALY

Eleganza, raffinatezza e semplicità per un matrimonio senza tempo.

 

“Il buon design è visivamente potente, intellettualmente elegante e, soprattutto, senza tempo.”

Da questa frase così forte e rappresentativa è partito il progetto di uno shooting fotografico dedicato al matrimonio bon ton 2.0, dal carattere puramente meneghino e contraddistinto dal Made in Italy.

Immaginate una location storica alle porte di Milano, immersa nel verde, una piccola cappella nella villa stessa e le sale nobili pronte ad accogliere il vostro Matrimonio.

Questo è quanto è stato pensato, progettato e realizzato nella cornice di Villa Borromeo.

Uno shooting che non solo punta all’esaltazione del prodotto Made in Italy e dei partners che lo sostengono, ma che ha anche voluto rimarcare l’artigianalità e sartorialità del prodotto proposto.

La storia raccontata vuole rappresentare un matrimonio elegante, raffinato e senza tempo.

I protagonisti sono sposi di famiglie di alto profilo, con cultura Bon Ton, sia milanesi che lombarde.

La progettazione e lo studio di questo shooting, che vuole essere d’ispirazione per molte coppie di futuri sposi, ha visto coinvolti parecchi attori del mondo wedding.

L’unione di forze creative, di pianificazione e operative ha permesso di rendere concreto un sogno, che da tempo giaceva in un cassetto.

 

storia di un matrimonio bon ton 2.0

La cerimonia.

Intima nella cappella privata della villa.

L’eleganza della sposa in un abito regale, tiara e velo, come da tradizione bon ton.

Il classicissimo tight per lo sposo, che si accompagna alla sposa con velo.

Il quadro degli allestimenti floreali che racchiude e sottolinea un’immagine molto sofisticata e quasi d’altri tempi.

La riscoperta e l’utilizzo di fiori, ormai andati dimenticati ma pur sempre attuali ed espressione di purezza e delicatezza assoluta.

 

storia di un matrimonio bon ton 2.0

 

Il brindisi e il ricevimento.

Nelle sale nobili della villa prestando la massima attenzione alla cura di quel dettaglio Bon Ton, che è da sempre un elemento senza tempo ma di esclusiva raffinatezza.

Il tavolo imperiale, che segue la geometria della sala, preparato ed allestito seguendo le regole dell’etichetta, ma anche inserendo elementi quasi in controtendenza per dare un tocco più fresco e giovanile, con uno slancio verso il nuovo galateo moderno.

La tavola curata ed impreziosita sia dai dettagli floreali, che da elementi di cristallo come anche da parti grafiche molto dedicate.

La sposa più sobria ma pur sempre elegante e lo sposo che ripropone ancora la classicità con il mezzo tight blu, che ci ha permesso anche di fare un piccolo richiamo al colore pantone dell’anno.

 

storia di un matrimonio bon ton 2.0

L’angolo sweet e la torta.

“Che dopo tutto sono le dolci e semplici cose della vita quelle vere.”

In questo set abbiamo voluto sottolineare la semplicità dei dolci, ma anche della dolcezza della vita, scegliendo un angolo caratteristico in una delle più maestose sale della villa.

La delicatezza di una frase scritta in bella calligrafia ha dato quel tocco di particolarità, ad una cornice già speciale di suo.

La torta realizzata con cura magistrale è la massima interpretazione della palette colori che ha accompagnato tutto lo shooting e che come per altri elementi grafici dello shooting stesso è stata ispirata sempre dall’ambiente circostante.

 

storia di un matrimonio bon ton 2.0

 

Un set alternativo: una nuova proposta.

La parte finale ha visto protagonista il gioco delle luci.

La luce che tutto avvolge e tutto circonda, che permette di far risaltare ogni minima sfumatura, usata come elemento base anche sulla tavola.

Un elemento fondamentale, qualora non fosse permesso l’utilizzo di candele a fiamma viva, che permette, comunque, di mantenere un’atmosfera romantica, elegante ed esclusiva.

 

storia di un matrimonio bon ton 2.0

 

In questo momento così particolare, con questo shooting fotografico si è voluto riportare alla luce tutto ciò che per anni è stato dimenticato: eleganza, buon gusto e semplicità.

Si è lavorato con la personalizzazione di alcuni dettagli. Una personalizzazione nata studiando a fondo e riproducendo alcuni particolari decori della villa e dei suoi affreschi.

 

storia di un matrimonio bon ton 2.0

 

Il design, parte su cui ha posto le sue fondamenta questo progetto, si è lasciato ispirare dall’architettura e dai colori della villa stessa.

Il risultato: un tipico matrimonio Bon Ton 2.0 milanese e Made in Italy, dove eleganza, raffinatezza, semplicità, buon gusto sono state protagoniste.

 

Emanuela – White Tulipa